PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE CITTÀ DI ARONA “GIAN VINCENZO OMODEI ZORINI” 2017

PREMIAZIONE 11 NOVEMBRE
HOTEL CONCORDE – ARONA – ORE 17,30

I VINCITORI

MEDICI SCRITTORI nel mondo - Racconto breve inedito, tema libero.

Sezione A.M.S.I
1° Arturo Lattuneddu di Forlì - “Bollettino di guerra”

Motivazione: Compiutezza di stile, proprietà lessicale, ritmo narrativo, fanno di questo racconto un’opera, nella sua complessità, gestita in modo saggio, perfetta.

Sezione lingua tedesca
Marko Peter di St. Gallen (Svizzera) - “Wie es einmal in unserem kleinen Spital war“ (Com’era una volta nel nostro piccolo ospedale)
Motivazione: Opera ben scritta, di piacevole lettura, esauriente negli argomenti molto attuali nel mondo medico odierno.

Sezione lingua francese
1° Daniel Vrac di Bois Le Roi (Francia) - “Le GPS
Motivazione: Forma valida, spigliata e sicura. Tema originale, abilmente sostenuto da esperienze vissute. La trama rimane sempre ad alti livelli, cosa non facile.

Sezione lingua spagnola
1° Guillermo Alvaroz di Quito (Ecuador) - “El mal de amores
Motivazione: Emerge l’orgoglio dell’autore per le proprie radici e per le tradizioni del suo paese. Apprezzabile la valorizzazione delle molteplici potenzialità della donna. Inaspettata e originale la positiva conclusione.

SEZIONE EDITO DI NARRATIVA aperta a tutti gli scrittori (in lingua italiana, tema libero).

1° Annalisa Pardi – “A solo” – Edizione Leone
Motivazione: Fragilità, dubbi, sofferenza: la crisi di un grande musicista raccontata con uno stile fluido e coinvolgente. Originale per l’argomento scelto e per il suo svolgimento, con una conclusione ironicamente metaforica. Coraggioso il messaggio.
2° Patrizio Fiore – “Il ricamo mortale” – Tullio Pironti Editore
3° Maria Roccasalva – “Il chiostro dei miracoli” - Tullio Pironti Editore

Segnalato dalla giuria dei lettori
Cesare Corda di Quartu S. Elena – “Benvenuto mister Parkinson”
Motivazione: L’autore racconta con linguaggio conciso e concreto la personale esperienza di convivenza con un male invalidante, affrontandolo con coraggio, abnegazione e soprattutto con spirito combattivo ed ottimistico. L’opera, pur nella carenza di qualità letteraria di alto profilo, assume il valore di un messaggio che suscita nel lettore attenzione a critiche condizioni umane e sociali di profonda sofferenza, alle quali l’autore stimola a
reagire con la forza della volontà di vivere e la fiducia in sé stessi e nelle relazioni umane.

Gli altri finalisti designati dalla giuria dei lettori:
Quella volta che il circo arrivò ad Orta di Laura Travaini
I lupi arrivano con il freddo di Sofia Gallo
Fossa Clodia di Giorgio Bianco
Rifugiati di Tommaso Merlo
La luce e il buio di Emidio D'Amato
Calpurnia di Sonia Morganti
E nel cielo brillano le stelle di Pietro Moros
Di cristallo e di fiamma di Marina Salucci

SEZIONE INEDITO Racconto breve, in lingua italiana, tema libero.

1° Fabrizio Malfatti di Viareggio – “In fuga
Motivazione: Giallo originale, con un finale insolito e ironico. Stile serrato e incisivo.
2° Sonia Merchiorri di Roma – “Dorotea e Lucia
3° Sara Catalini di Roma – “Lumi a Parigi

LE GIURIE
Medici scrittori nel mondo, sezione A.M.S.I. (Associazione medici scrittori italiani): presidente Gianfranco Brini
Medici scrittori nel mondo, sezione lingua francese e lingua italiana: presidente Sergio Marengo
Racconto inedito breve Italia: Patrizia Gambarotta (presidente), Silvia Magistrini, Sergio Marengo.
Edito di narrativa: Giuseppe Armocida, Giovanni Di Bella, Patrizia Gambarotta (presidente), Maria Adele Garavaglia, Lia Ongaro, Giannino Piana, Rodolfo Vettorello. Presidente della giuria dei lettori: Sergio Carabelli

PREMI SPECIALI

Il premio alla carriera, riservato a personalità e istituzioni del mondo della scrittura, dal giornalismo alla divulgazione storica, culturale e scientifica è stato attribuito a Furio Colombo, giornalista, scrittore, già collaboratore della Stampa, di Repubblica, del New York Times e del New York Review of Books, deputato e senatore e direttore de L’Unità.
Motivazione:“Eminente personalità della vita politica e culturale italiana, Deputato al Parlamento, Senatore della Repubblica, giornalista impegnato, docente universitario. In tutti i suoi ruoli ha sempre saputo conservare e difendere con onestà ed equilibrio, al di sopra di ogni ideologia, la propria
autonomia e libertà di pensiero”.

Il premio del Circolo culturale, che segnala esponenti del mondo culturale legati per origini o attività al nostro territorio, quest’anno verrà consegnato ad Alessandro Barbero, saggista e studioso di storia medievale. Barbero, nato a Torino nel 1959, è docente universitario e autore
di saggi tradotti in tutto il mondoAlessandro Barbero, saggista, studioso di storia medievale.
Motivazione:“Appassionato studioso e profondo conoscitore del mondo medioevale, con la sua prolifica attività di scrittore di saggi e romanzi, di documentarista, di ricercatore e docente universitario, ha dato un importante contributo alla conoscenza di questo periodo fondamentale nella storia europea”.